giovedì 22 aprile 2010

Gianni Mura

Giuseppe Smorto intervista Gianni Mura
Oggi al Festival,tra gli altri, ho ascoltato Gianni Mura. Considerato un mito, una leggenda del giornalismo sportivo, ma soprattutto l’erede designato di Brera. Lui, come tutti gli appartenenti alla categoria degli “eredi di..” dice di non sentirsi tale. Assieme a ciò parla di tante altre cose. Non penso ci sia bisogno di ricamarci su, perciò eccole.

“Biscardi, per fortuna del ciclismo, almeno questa se l’è risparmiata”.


 
“Mi piacerebbe scrivessero sulla tomba che non sono mai andato al Processo del Lunedì”.

“Feltri, con quella pettinatura da cavallo…”

“Se tu pigli (cit.) le peggiori opinioni dei peggiori tifosi, non sarai mai da solo”.

“Da sette anni i miei colleghi “contabili” che scrivono al pc, mi fanno la stessa domanda: - Ma non pensa di disturbare gli altri scrivendo a macchina?- No rispondo, perché sono già distratto dai vostri silenzi”.

“Cosa mi può succedere se do 3 a Quaresma o 2 al Papa?”

Dai dimmi, qual è la tua “mazzetta” ogni mattina? “Intendi mazzetta di giornali?”

“Un giornale si chiama così perché si tocca ed è di carta. Altrimenti chiamalo film-giornale o video-giornale.
Ad esempio: se voglio un panino, non voglio che tu mi racconti anche l’uccisione del bue e il tempo di lievitazione del pane. Voglio solo il panino!”

“Dato che ho bisogno di un po’ di autostima, dedico ogni giorno mezz’ora alla lettura dei commenti dei lettori agli articoli.”

“Perché non si fanno più i grandi giornali di una volta? E’ successo da quando li hanno presi in mano i designer”.

“Mi ricordo il colloquio di assunzione con Costanzo:” -Di che segno sei?- “Bilancia.” –Ah bene, sei assunto.- “E se fossi stato dei pesci?”

“Io dico che oggi per i giornali è meglio fare una paginata sugli operai della Thyssen, che un’intervista a D’Alema”.

“I giornali sono troppo vicini al Palazzo e troppo lontani dalla strada”.

1 commento:

  1. antonio massaro22 maggio 2010 10:00

    Ciao Nicolino.... io tra circa un'ora saro' a Siena... mi farebbe piacere incontrarti... se sei libero chiamami al nr.
    348 13 51 369 cosi mi dici a che porta ritrovarci!!!!Ciao!!

    RispondiElimina

Eccoci qui, ora sentiamo cosa hai da dire.
Hai qualche segnalazione o riflessione esterna all'argomento dell'articolo? No problem, libertà e rispetto. Non pubblico però offese (se non divertenti o estreme), insulti e minacce (che mi riservo di segnalare all'autorità giudiziaria). Ah, i commenti sono da me moderati.
Insomma cerca di fare del tuo peggio, mi raccomando.